martedì 12 marzo 2019

Il lupo sentimentale di Geoffreoy de Pennart / Babalibri Editore



Il lupo sentimentale è l'albo illustrato di cui vi parlo oggi, ha un titolo molto affascinante e sono sicura che resterà nel cuore di molti lettori, grandi e piccoli.

Scritto e illustrato da Geoffreoy de Pennart e pubblicato recentemente dalla casa editrice Babalibri Editore, fa parte dei libri che raccontano le cosiddette controfiabe, quei libri cioè che riescono a presentare le favole classiche da un punto di vista assolutamente insolito.

Un pregio molto importante per un libro, soprattutto se si desidera insegnare la capacità di vedere gli eventi oltre le apparenze scontate e stereotipate, allargando in questo modo i nostri confini percettivi.

L'albo di de Pennart contiene prima di tutto dei disegni deliziosi, delicati e coinvolgenti, che permettono di tuffarsi pienamente nella storia e di goderne tutte le sfaccettature, fin dal primo momento in cui lo si guarda.
Infatti già in copertina si incontra colui che sarà il protagonista assoluto del libro e lo si identifica immediatamente. Si tratta di un giovane lupo che tiene tiene fra le mani un foglio di carta davvero particolare: la lista dei suoi possibili spuntini, proprio come si conviene debba conoscere ogni lupo che si rispetti.

Giocando sull'immagine arcaica del lupo visto come creatura minacciosa e cattiva per eccellenza, l'autore qui ribalta completamente il nostro punto di vista e riesce a ritornarci l'aspetto di un personaggio dal comportamento generoso e perfettamente capace di distinguere i reali pericoli, come ben si comprende alla fine della lettura.

Luca infatti è un giovane lupo di famiglia, un bel giorno comprende che è tempo di lasciare la casa dove vive con i genitori e il resto della famiglia, per andarsene libero nel mondo.
Come da copione, il nostro lupo sentimentale incontrerà lungo lo sfogliare delle pagine, tutti i personaggi delle favole che notoriamente lo vedono trasformarsi in un animale cattivo e pericoloso, ma questa volta andrà diversamente e la favola viene riscritta in modo diverso.

Un libro che insegna a guardare lontano oltre gli schemi precostituiti, superando gli schemi mentali convenzionali, rendendosi conto che le cose fortunatamente cambiano.

Ringrazio moltissimo la casa editrice Babalibri per avermi inviato in omaggio questo bellissimo libro.




domenica 10 marzo 2019

Dal profondo del cuore di Ciro Campanella / Di Renzo Editore


Dal profondo del cuore è un libro che racconta molto dettagliatamente la biografia professionale e umana del dottor Ciro Campanella, cardiochirurgo di fama internazionale che per molti decenni ha svolto la sua attività all'estero, rientrando in Italia solo recentemente.

Il libro è pubblicato dalla casa editrice Di Renzo Editore di Roma che si occupa soprattutto di divulgazione scientifica, ed è scritto sotto forma di diario con ricordi, riflessioni e considerazioni che rendono ragione dell'aspetto estremamente avvincente del volume.

Le origini, di quella che poi è diventata la mia professione, sono state in un certo senso casuali. Ricordo che il mio professore di italiano al liceo, una persona di grande cultura e sensibilità, alla fine dei cinque anni canonici, fece una specie di analisi di tutti i suoi studenti, con lo scopo di indicarci quale fosse la strada più adeguata da intraprendere. Era un'analisi basata sulla conoscenza che aveva delle nostre personalità, dopo tutti quegli anni trascorsi insieme. La conclusione, quando arrivò il mio turno, fu che la cosa migliore fosse fare medicina. Forse perché i miei risultati in matematica non potevano definirsi "brillanti". L'interesse per la biologia, invece, c'era sempre stato, ma non più di questo.
Incipit

La carriera professionale dell'autore infatti, è davvero lunghissima e costellata di successi enormi, possiamo ben dire che il dottor Campanella ha scritto la storia della cardiochirurgia mondiale.
Allievo del mitico Prof. Barnard, che per primo sperimentò il trapianto cardiaco su di un paziente umano, con una assoluta dedizione alla professione medica, l'autore ci racconta i trasferimenti avvenuti nella sua lunga carriera, in ogni parte del globo.

Perché Barnard fu così importante nel mio apprendimento? Non perché mi abbia preso per mano e mi abbia insegnato le basi di quasi tutta la pratica chirurgica, ma perché mi ha insegnato a pensare "out of the box" (fuori dalla scatola) , ad ad affrontare problemi chirurgici particolarmente complessi da una prospettiva inusuale. Questa qualità è stata uno dei miei strumenti migliori: mi ha consentito, in seguito, di mettere a punto nuovi interventi chirurgici.
cit.pag.53

Dopo vari decenni spesi all'estero, l'autore è ritornato in Italia alla soglia della maturità per una sorta di nostalgia come spesso capita a chi lascia in gioventù il proprio paese.
Il suo ritorno professionale è stato però molto diverso da come lo immaginava e questo libro infatti denuncia in parte le incomprensioni che sono sorte con la sue equipe italiana in un ospedale della capitale.
Senza mai perdere l'entusiasmo nel suo lavoro, neppure la grande fiducia nel domani o la capacità di ricominciare con grande vitalità.

Una sola cosa mi ha dato conforto in tutta questa vicenda: la vicinanza dei miei pazienti, che dai loro letti vedevano e osservavano, coglievano le differenze ed erano testimoni di quanto difficile fosse la mia impresa.
Excipit

Scritto con una grande scorrevolezza narrativa, il libro apre parecchie polemiche sulla gestione della sanità in Italia, sulla meritocrazia, sulla politiche ospedaliere e più in generale sull'ambiente medico.
Stimolando molti interrogativi, molte perplessità e un briciolo di apprensione.

Il titolo del libro è ricavato da un brano dell'Eneide, VI, 54-61, che viene riportato integralmente ad inizio libro, mentre fra le ultime pagine, per agevolare la comprensione delle descrizioni mediche presenti nel testo, è stato inserito un glossario dei termini medici e un capitolo riassuntivo dell'anatomia e della fisiologia cardiaca.

Un libro molto molto interessante.

Ringrazio la casa editrice Di Renzo Edizioni per avermi inviato in omaggio questo bellissimo libro.




venerdì 1 marzo 2019

Flora che fece finire la guerra di Fiorella Caraceni / Il Canneto Editore



Flora che fece finire la guerra è un bellissimo romanzo autobiografico scritto da Fiorella Caraceni e pubblicato dalla casa editrice Il Canneto Editore.
Il libro racconta la storia della famiglia dell'autrice, soprattutto nella figura di sua madre Flora, da quando giovane ragazza nel 1928 va sposa a Genova, fino alla sua scomparsa.

Si tratta di un libro che oltre degli avvenimenti personali, narra aspetti e abitudini della stessa città e parla naturalmente anche della seconda guerra mondiale, raccontando le difficoltà di quegli anni. Sarà proprio la guerra infatti a rendere Flora vedova, lasciandola con due bambine ad affrontare tutti i rischi e gli imprevisti di quel periodo.

Quanto ne sapeva di questa città la sposa novella che nel febbraio 1928 si trasferiva a Genova dal suo paese in terra d'Abruzzo? Maritata a uno che andava per mare, aveva sposato anche la città dei suoi sbarchi e la previsione di trascorrervi gli anni futuri si accordava in taciuta armonia con quanto si era permessa di sognare. Al primo impatto poteva presentarsi ardua da conquistare, così tutta in salita, una eccentricità che forse non rientrava nelle sue attese. Lo sposo, chiamiamolo Nicolino, l'aveva avvertita a modo suo, da navigante: "Se ti affacci dal ponte della nave mentre entra in porto vedi una città che non avresti mai immaginato, arrampicata in costa ai monti come se dal suo mare volesse prendere le distanze e mirarselo dall'alto."
Incipit

La maggior parte del libro parla proprio di questi anni bui, di tutte le rinunce e i cambiamenti della vita quotidiana e della vita personale dovuti sia al lutto che colpisce la famiglia e sia alla situazione bellica in corso.
Ed è una sorta di rievocazione storica, soprattutto per quanto riguarda le riflessioni dell'autrice, i suoi ricordi, le descrizioni dei disagi e delle mancanze materiali, come fosse un monito per chi queste cose non le ha conisciute.

Si parla dell'esperienza dello sfollamento, lontano dalla città di residenza per tornare al paese in centro italia e vivere in campagna con maggior serenità, con una vita più semplice.
Ma sarà molto dura anche la vita del dopoguerra, nel riuscire a ricostruire le relazioni con persone e cose che sembrano essere notevolmente cambiate.

La guerra era stata vita sospesa? La guerra seleziona vite da troncare in tempi telegrafici, quelle rimaste sospese si adegueranno con risicate risorse ai ritmi accelerati di una pace da reinventare. Anche le Parche per misurare il filo della vita dovevano avere una rete olimpica di informatori preveggenti di guerre, catastrofi naturali, epidemie, solitudini. Oppure era solo capriccio o un banale calcolo di insiemi: qua un gruppo di fili lunghi, troppi, quello dei fili medi deve essere più sostanzioso, ora una manciata di quelli brevi, li sottraiamo ai lunghi e viene fuori una media accettabile secondo i tempi e le etnie.
cit.pag. 125-126

Il titolo Flora che fece finire la guerra è preso da un capitolo del libro e in particolare da un episodio che ricorda il momento in cui la madre comprando una copia del quotidiano genovese aveva a suo modo decretato che in quel giorno per loro, la guerra era finita. Una bellissima immagine così come ce ne sono molte altre che riguardano questa donna forte e decisa, sempre attenta alla cultura personale e delle figlie.

Una bella storia.

Ringrazio la casa editrice Il Canneto Editore per avermi inviato in omaggio questo bellissimo libro.

martedì 26 febbraio 2019

Il bagaglio intimo di Luca Pisoni / Meltemi Edtore



Il bagaglio intimo è un bellissimo saggio pubblicato dalla casa editrice Meltemi Editore, che parla di quei piccoli oggetti o manufatti che i migranti portano con sè durante il loro lungo difficile viaggio.

Scritto sotto forma di diario da Luca Pisoni, antropologo, archologo e insegnante di Trento, che ha iniziato questa ricerca umanitaria ponendosi alcune domande e cercando poi di trovare le risposte  per meglio comprendere chi siamo e da dove veniamo.

Il primo obiettivo che mi ero prefissato era quello di capire quali oggetti i migranti portavano con loro durante il percorso che da casa li conduceva in Europa. Su quali cose ricadeva la sceltadi uomini e donne di fronte alle condizioni estreme date da un viaggio durissimo durante il quale l'eventualità di perdere la vita era tutt'altro che remota?
Chi partiva doveva innanzitutto fare i conti con la logistica: non poteva portarsi quello che voleva ma doveva selezionare con cura gli oggetti che lo avrebbero accompagnato. 
Lo zainetto era il bagaglio massimo oltre al quale difficilemtne si sarebbe potuti salire su  pick-up, treni o barconi. 
cit.pag.22

Dopo una breve introduzione nelle quale l'autore spiega i motivi del lavoro qui proposto e di come si sia svolta questa sua ricerca, inizia la parte più interessante con una forte valenza emozionale, ovvero il racconto degli incontri con i migranti.
Pisoni racconta l'approccio utilizzato per avvicinarli con grande rispetto e umanità, prima alla stazione di Bolzano e lungo la tratta fra Trento e Bolzano nel 2015, e poi nel 2016 in un centro di accoglienza della sua città, venendo a contatto con realtà sia africane che asiatiche.
Ed è a questo punto che compaiono gli oggetti conservati con grande cura, che i migranti portano con sè sia per ricordare la propria identità culturale o psicologica, sia per preservare la propria salute e l'incolumità dagli imprevisti e dalla cattiva sorte.

Nella piccola comunità senegalese della struttura la voce della mia presenza si era sparsa in un attimo. I ragazzi si fidavano del mediatore culturale e passai la giornata attorniato da un gruppetto di profughi che osservavano lo svolgersi delle interviste. Non era certo la situazione migliore per ricavare delle informazioni obiettive, ma come inizio andava tutto sommato bene. Avrei potuto tornare dagli intervistati  in un secondo momento e approfondire con più calma.
cit.pag.59

Tutte le storie che compaiono nel libro sono raccontate senza cadere nell'angoscia o nel già detto, bensì con una sorta di osservazione empatica ma non coinvolta dai racconti e dalle esperienze puramente dolorose  che i migranti hanno subito.

Un libro che illumina su molti aspetti di questo argomento. Consigliatissimo.

Ringrazio moltissimo a casa editrice Meltemi Editore per avermi inviato in omaggio questo libro.

domenica 24 febbraio 2019

L'ultimo barile di Daniele Zanon / Infinito Edizioni


Questo bellissimo libro L'ultimo barile, è stato scritto da Daniele Zanon, sceneggiatore e regista che vive in provincia di Padova, autore di numerosi altri romanzi e saggi, pubblicati tutti dalla casa editrice Infinito Edizioni.

Si tratta di romanzo distopico, racconta una storia  che fin dalle prime pagine appare molto intensa, sovrastata da una atmosfera cupa, irrespirabile e molto violenta. Una storia di guerra.

Ho vissuto in mezzo all'odio, come un'aquila nel vento. Un pò alla volta ho imparato a librarmi. Mi affido all'istinto per raggiungere luoghi , dentro di me, altrimenti inaccessibili.
cit.pag.31

La narrazione è composta da brevi brevissimi capitoli, con una scrittura fatta di frasi altrettanto brevi e coincise, molto forti, che danno al romanzo un aspetto di grande impatto sul lettore. Ed è così che deve essere, perché il messaggio che vuole proporre è proprio quello di un futuro dell'uomo molto nero, instabile e privo delle più elementari libertà civili.
Dunque una sorta di monito a valutare profondamente le azioni e le scelte di oggi, per non abbandonare mai il proprio senso critico e nemmeno la capacità di ascoltare le ragioni degli altri o di vedere la realtà sotto vari punti di vista.

Ambientato nei pressi di Roma in un futuro non molto lontano, si svolge perlopiù in un bunker celato sotto un cimitero, dove è nascosto l'ultimo barile di petrolio esistente, che scopriremo nascondere una realtà molto diversa da quella presentata inizialmente. In questo gioco di verità e false verità in cui l'autore è veramente maestro, troveremo colpi di scena inaspettati e incredibili.
Dato che si svolge nel futuro, lo scrittore ha immaginato la presenza di enormi robot meglio chiamati uomini di latta, insieme ad armi ad alta tecnologia, droni, veleni e tossine chimiche, altre armi molto particolari e molto letali.

L'ora dei droni è arrivata.
Mi metto le cuffie senza infilare gli occhi nel visore. Non occorre guardare. Si sentono. Emettono un sibilo lento si zanzara, umido e spaventoso come la lingua di un serpente che saggia l'aria. In mezzo a quel fischio si sente scendere una pioggia leggera.
Il veleno sputato dai droni è una tossina sintetizzata in laboratorio che al mattino non lascia traccia. Miete vittime col buio, e incatenata al buio resta anche la verità
cit.pag.43

Una introduzione iniziale e una nota finale dello stesso autore, servono a meglio inquadrare i motivi che lo hanno spinto a scrivere questo romanzo e anche a scegliere un finale decisamente molto molto cruento. Sono entrambe da leggere, anche per meglio riflettere sugli altri spunti narrativi che il libro propone.

Ringrazio moltissimo la casa editrice Infinito Edizioni per avermi inviato in omaggio questo libro.


mercoledì 20 febbraio 2019

Le puoi leggere anche in tram di Nino Nonnis / Palapanda Edizioni


Un piccolo libro dal titolo intrigante: Le puoi leggere anche in tram, che contiene, sorprendentemente, tantissime storie brevi sulla vita e i suoi affanni, scritto con molta fantasia dal suo autore Nino Nonnis e pubblicato dalla casa editrice Palabanda Edizioni.

Come dicevo, si tratta di storie brevissime come fossero poesie o ancora meglio, come se fossero parodie, flash istantanei che nello spazio di pochi secondi, il tempo di leggerle, riescono a inquadrare una vita intera. E lo fanno con una sorta di compiacimento, ci conducono in un mondo a parte dove potersi guardare bene e riflettere su quello che siamo o siamo diventati.

Sotto questo aspetto si tratta di pagine veramente fenomenali, direi quasi fulminanti, perchè molte, la maggior parte, hanno un finale assolutamente inaspettato, spesso con un retrogusto ironico o amaro che le rende uniche.


Un ricordo infantile

Lo ricordo bambino
sporco scalzo e nervoso
i capelli scomposti
sorridente e pronto allo scherzo
montare
senza sella e senza paura
asini e cavalli bradi, talento sfida e coraggio.
Ora lavora in Germania
in una fabbrica di tappi.

Viene descritta una quotidianità spicciola che fa sorridere, che rimanda lo sguardo a come siamo noi tutti nella realtà, cesellando perfettamente i nostri piccoli e grandi vizi, assieme a qualche virtù.

Ci sono però anche poesie che hanno un tono più morbido e dolce, che risentono dell'influsso dei sentimenti e delle paure. Come questa, che si trova quasi alla fine della raccolta.

Poesia artificiosa e artefatta

Hai disarcionato le mie emozioni
cavalcando i miei sentimenti
e sei passata
ma sei rimasta
e quando bussano alla mia porta
rispondo "Non c'è nessuno"
prima che lo dicano gli altri.
Che poi sono le altre, 
ostriche che mai aprirò
vento che mai mi spingerà.
Frantumo i miei ricordi
col martello del tuo.
Il giorno mi avvolge,
la notte la temo
presagio e paura del giorno nuovo
se pure ci sarà.
E rimescolo 
nel mio ordine disordinato.
Sono precipitato nell'abisso
graffiando le sue lisce pareti
a seconda dell'età in cui entri.
Amore, e chiamala anche voglia
d'amore, a 30 anni, a 40 e a 60, 
ognuno un aggettivo diverso.
E ora mi chiedo cosa e come sarà 
a 80 anni se mai ci sarà
e se io ci sarò,
almeno per andare ai ricordi.

Un libro dunque da centellinare soavemente, per riconoscersi in qualche pagina, poesie minute che ci fanno da specchio per come siamo o per come non vorremmo essere, dipende da quale parte dello specchio stiamo guardando.

Ringrazio moltissimo la casa editrice Palabanda Edizioni che mi ha inviato in omaggio questo libro.


giovedì 14 febbraio 2019

Non è giusto ! di Stephanie Blake / Babalibri Editore



Questo bellissimo libro pubblicato dalla casa editrice Babalibri  e dedicato ai più piccoli, è stato scritto e disegnato da Stephanie Blake, illustratrice di origine americana che vive a Parigi da molti anni.

L'albo illustrato si intitola Non è giusto! perchè affronta un tema molto importante e molto frequente nella quotidianità infantile: quello della prepotenza fra bambini.

Sulla copertina, immerso in giallo brillante veramente stupendo, potete vedere il personaggio principale: Simone, un coniglietto tutto bianco dalle lunghissime orecchie e dall'espressione molto arrabbiata, infatti sta urlando a squarciagola tutto il suo sdegno. Perchè mai?

Ecco la storia:  Simone e il suo amico Ferdinando sono in giardino e vogliono costruire un aereo partendo da una scatola di cartone. Ferdinando chiede a Simone di procurare molti oggetti che serviranno a creare l'aereo, ma quando Simone ritorna con tutto l'occorrente, il suo amico gli rivolge una frase che lo lascia molto perplesso.
Durante la notte infatti, il piccolo coniglietto si sveglierà tutto angosciato gridando appunto che non è giusto!, dimostrando così che quanto è accaduto lo ha profondamente colpito.
Riuscirà Simone a trovare una soluzione efficace per risolvere questo spinoso problema?

Il libro è veramente godibilissimo, strutturato in modo da avere in ogni pagina destra i bellissimi disegni dell'autrice, mentre in quella di sinistra ci sono le parole scritte che raccontano l'intera vicenda. Inoltre, cosa adorabile, ci sono sfondi dai colori molto brillanti e vivacissimi, che richiamano l'attenzione del lettore e mettono allegria solo a guardarli.

Ma non è finita, perché aprendo il libro si viene accolti da una serie di buffi e simpatici coniglietti disegnati su  un campo cromatico rosso, ognuno possiede una espressione diversa, come per rappresentare tutti i sentimenti della gamma umana e non.

La lettura di questa meraviglia è consigliata a partire dai tre anni, sicuramente potrà essere un valido strumento per affrontare il grande importantissimo tema delle ingiustizie fra bambini, e non farà male leggerlo anche a noi adulti.

Un libro veramente delizioso.

Ringrazio moltissimo la casa editrice Babalibri per avermi inviato in omaggio questo splendido libro.

martedì 12 febbraio 2019

Nonostante, libera di Bruna Prlandi / Giraldi Editore


Il bellissimo libro di cui vi parlo oggi Nonostante, libera / Il racconto come atto terapeuticoè indirizzato prevalentemente a noi donne, perché tratta un argomento intimo assolutamente femminile e al contempo racconta una storia vera molto molto interessante. Sono molto felice che la casa editrice Giraldi Editore me ne abbia inviato una copia in omaggio e per questo la ringrazio profondamente.

L'autrice del libro in questione si chiama Bruna Orlandi, è leccese di nascita ma vive a Bologna da molto tempo, collabora con testate giornalistiche e nel 2011 ha vinto un premio letterario. 

In questa sua opera descrive in modo estremamente angosciante il percorso medico ma soprattutto quello psicologico, vissuto negli ultimi anni, affranta da una malattia ancora poco conosciuta ma altamente invalidante : la vulvodinia. 

Si tratta di un racconto-shock, come viene definito nella postfazione dalla fondatrice e presidente della associazione che ne accoglie le numerose vittime, una forma di dolore pelvico cronico costante che rende la vita difficile se non impossibile, per le persone che ne soffrono. 

Scritto con un linguaggio sincero e diretto, senza tanti giri di parole, è un libro che trasmette molte emozioni: stupore, empatia, rabbia, sgomento e una grande grandissima assoluta solidarietà. 
Come si può non immedesimarsi profondamente nelle vicissitudini e nei pensieri dell'autrice, nel suo dolore incompreso dalla medicina e molto spesso anche dalle persone stesse che lo ritengono troppo imbarazzante per essere divulgato? 
Leggendolo, si vive la storia raccontata insieme alla sua autrice, pensando ad ogni piè di pagina: e se fosse capitato a me?

Il libro rappresenta una sorta di diario intimo e al contempo un atto terapeutico catartico, senza falsi pudori a mescolare le parole. Contiene anche una grande dose di autoironia, per certi versi e in alcune pagine, riesce ad essere quasi comico nella sua drammaticità, l'autrice cerca sempre di vedere il lato migliore di ogni situazione o almeno di trovarne uno che le permetta di affrontare il qui e ora.

Si può imparare molto da questo libro, soprattutto perchè raccoglie parecchie cose al suo interno, tutte assolutamente importanti: informazioni mediche, tante riflessioni, tantissime speranze, tanta sofferenza, una valanga di dubbi e di interrogativi e anche quel senso di amarezza e di paura che invade ogni persona affetta da una malattia misconosciuta, sottovalutata, inascoltata.

Un gran bel libro, assolutamente consigliato.



L'associazione per coloro che soffrono di questa patologia è  www.vulvodiniapuntoinfo.com
ad essa verrà devoluto una parte del ricavato dei diritti d'autore.

Ringrazio  nuovamente la casa editrice per avermi inviato in omaggio una copia del libro.




mercoledì 6 febbraio 2019

Il fiore e le spade di Alfred Mason / Scrittura e Scritture Editore




I romanzi storici sono sempre appassionanti, raccontano vicende antiche permettendo di fare un salto temporale nel passato e vivere una avventura narrativa intensa e avvincente.
Il fiore e le spade è un romanzo di questo tipo, pieno di azione e di intrighi nascosti fra le pagine, pubblicato dalla casa editrice napoletana Scrittura & Scritture.

Alfred Mason ne è l'autore: uno scrittore inglese dalla vita molto avventurosa, che scrisse anche il libro "Le quattro piume" dal quale sono stati tratti varie edizioni cinematografiche negli ultimi anni. 

La storia narrata è ambientata nel 1718 e racconta di rapimenti e di coraggio, di principesse e di re senza corona, di travestimenti e tradimenti. C'è un eroe ovviamente, nel più puro stile avventuroso, che insieme ad alcuni fedeli amici dovrà liberare una fanciulla coraggiosa.

Si sarebbe detto che quella mattina di settembre del 1718 l'oste, la dama e Carlo Wogan fossero favoriti dalla fortuna. Wogan non era sorpreso; la fortuna per il momento gli era favorevole; non aveva dubitato che in un modo o nell'altro gli sarebbe venuta in aiuto nemmeno quando il cavallo, inciampando , si era azzoppato mentre percorreva un tratto deserto della strada tra  Firenze e Bologna. Il cavallo si era fermato dopo aver proseguito faticosamente per pochi metri e si era voltato a guardare l padrone. Cavaliere e cavalcatura erano nelle migliori relazioni d'amicizia.
(incipit)

Molto scorrevole nella lettura, si legge rapidamente, animati dalla curiosità di conoscere la fine delle vicende e il dispiegarsi degli intrighi, in pieno mood avventuroso.

Un romanzo che sicuramente invita a ripassare alcuni tratti della storia europea, a conoscerne i personaggi reali che qui sono romanzati, grazie anche alla bella postfazione di Miranda Miranda che mirabilmente conclude il libro.

Un ottimo libro, assolutamente consigliato. Specialmente se amate la Storia con la esse maiuscola.


Ringrazio cordialmente la casa editrice Scrittura & Scritture per avermi inviato in omaggio questo bellissimo libro.



domenica 3 febbraio 2019

Lo scarabocchio di Marisa Paschero / Amrita Edizioni



Lo scarabocchio è un manuale interessantissimo e molto molto bello , scritto da Marisa Paschero che da oltre vent'anni si occupa di grafologia tenendo corsi e conferenze sull'argomento. Il libro è pubblicato dalla casa editrice torinese Amrita, che si definisce un "editore olistico", perché offre ai suoi lettori opere che tengono conto di ogni dimensione dell’uomo.

In questo testo splendido, si parla in modo semplice ma efficace, chiarissimo anche per chi non ne conosce nulla, del mondo variegato e incredibile degli scarabocchi, ovvero di quei segni grafici che ciascuno di noi traccia sulla carta, in maniera più o meno consapevole. Quando pensiamo, quando ascoltiamo, quando siamo annoiati o preoccupati, gli scarabocchi parlano di noi e dicono molte cose. Compresi i nostri desideri, le nostre paure o le nostre ansie, seppure inconsce.


Un argomento così esteso può apparire difficile e noioso, eppure in questo libro viene trattato in modo assolutamente coinvolgente e molto ben organizzato. Ogni capitolo spiega e descrive un ben definito tipo di scarabocchio, mostrandone le principali varianti e moltissimi esempi per immagini.

Ma non solo, tra le immagini sono comprese anche quelle degli scarabocchi di personaggi illustri del presente e del passato, che ne danno un immagine personale e molto esplicativa.

Si parla anche del test dello scarabocchio, dei mandala, dei doodles e di quelli che vengono definiti zentangle, tutti importantissimi "disegni" che allenano la nostra intelligenza emotiva.


La carta su cui è stampato il libro ha una grana e uno spessore molto piacevoli, invita a prendere appunti e sottolineature e per chi desidera restare in tema, anche qualche piccolo scarabocchio...


Decisamente un ottimo manuale per chi si interessa di Psicologia, Grafologia, per il mondo della formazione in generale  per chi semplicemente vuole conoscere qualcosa in più di se stesso.


Di questo manuale ho registrato un breve reading estratto della introduzione, che può essere ascoltato sul mio canale IgTV  di Instagram, seguendo questo link.


Ringrazio moltissimo la casa editrice Amrita per avermi inviato in omaggio questo splendido libro.